Partinico Serenianus

Presidente:
MOTISI Dott. Leonardo
 

 

PRESIDENTE: MOTISI Dott. LEONARDO

SEGRETARIO: CARONNA Ins. MARIA

TESORIERE: CONSOLI Ing. PAOLO

CERIMONIERE: SPECIALE Prof.ssa VINCENZA

 

Agg.: 3 gennaio 2011

L.C. Partinico Serenianus

Lo scambio degli auguri di Natale svoltosi il 17/12/2010 tra i soci Lions di Partinico a “Villa Adriana” di Cinisi è stato un incontro bello ed entusiasmante, poiché, oltre a rafforzare lo spirito d’appartenenza alla nostra Associazione, ha consentito di meditare e interrogare la nostra coscienza, che è la voce del cuore. La nostra società nel suo complesso, considerata anche globalmente, ha bisogno di un risveglio, proprio in ordine al valore delle coscienze. Milioni di persone sono  penalizzate dalla fame, dalle ingiustizie, dalle aggressioni e dallo sfruttamento. Per costoro l’augurio di Natale che i Lions sono chiamati a dare è la più chiara e concreta testimonianza di solidarietà. “Creare e stimolare uno spirito di comprensione tra i popoli del mondo” è il primo scopo della nostra Associazione Internazionale che completa la vera riflessione del Lionismo.

Il Presidente del Club di “Partinico Serenanius”, conscio dell’importante avvenimento che, dopo il suo interevento avrebbe caratterizzato la serata degli auguri di Natale, saluta tutti i presenti e dopo aver esposto sinteticamente, le attività sinora svolte dal club  nell’anno sociale in corso, presenta subito il Prof. Tony Caronna, docente presso il liceo scientifico “S.Saverino” di Partinico il quale illustra con le parole e le immagini il progetto “una ponte per ..……l’India”.

L’esperienza vissuta dal Prof. Caronna, a contatto con Padre Elias Frank della Diocesi di Calcutta, ha permesso a tutti i presenti di comprendere la difficoltà nelle quali vivono gli abitanti della tribù di Santal. Il potere centrale nega a questa gente l’istruzione di qualità in quanto l’acquisizione della cultura viene temuta come un rischio che potrebbe interrompere la comoda oppressione praticata sotto il peso dell’ignoranza. La solidarietà nei confronti della missione, curata da Padre Elias nella tribù di Santal, ha dato il via ad un progetto battezzato “ un ponte per …..l’India” e portato avanti da quattro anni dagli studenti dello Scientifico di Partinico e dall’Ente di Formazione A.I.P.R.I.G. presieduto dalla Prof.ssa Mariella Caronna , per la raccolta di fondi per la costruzione di un edificio scolastico affinchè attraverso l’istruzione garantita da missionari cattolici, possano elevare l’umile condizione degli studenti e alimentare i propri bisogni formativi. Si è ,poi, dato luogo con entusiasmo ad un sorteggio per beneficenza che ha consentito la raccolta di mille euro che saranno inviati in India dove, nel prossimo mese di Febbraio, ci sarà l’inagurazione del pianoterra della Holy Family School.

Questo gesto dei Lions ha dato inizio ad una vera e proficua collaborazione che fa ben sperare nella crescita di una solidarietà sempre più concreta.

La manifestazione dello scambio degli auguri di Natale, dopo i saluti e i ringraziamenti del Presidente della Zona 3, Dott. Salvatore Lo Baido e del Past- Governatore Amedeo Tullio, si  è conclusa con gli auguri del presidente del Club, Dott. Aldo Motisi, che ha pregato tutti gli invitati, prima del brindisi finale, ad ascoltare un brano della Sacra Bibbia, tratto dalla prima lettera dei Corinzi, “Inno alla Carità”: “Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità,sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla. E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per essere bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova. La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta la carità, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell’ingiustizia, non si compiace della verità. Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta.La carità non avrà mai fine. Le profezie scompariranno, il dono delle lingue cesserà e la scienza svanirà. La nostra coscienza è imperfetta e imperfetta è la nostra profezia. Ma quando verrà ciò che è perfetto, quello che è imperfetto scomparirà. Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede , la speranza e la carità; ma di tutte  più grande è la carità.”


Agg.: 4 dicembre 2010

L.C. Partinico

La Costituzione Italiana, arrivata dopo la fine della IIª Guerra Mondiale, è nata con un travaglio grandissimo, in quanto l’Italia aveva alle spalle, oltre la guerra, devastazioni politiche e socio-economiche.

Nella presentazione del tema nazionale dei Lions, “La Costituzione della Repubblica Italiana”, svoltasi il 28/11/2010 nel Convento dei Carmelitani di Partinico, il Prof. Gianfranco Amenta, Delegato Responsabile dello stesso tema, mette in evidenza, proprio per il travaglio citato in premessa, due principi importanti che caratterizzano la Carta Costituzionale.

Per il primo principio la Carta è indelebile, mentre per il secondo la Carta è di lunga durata. Infatti, dal 1948, data della sua nascita ad oggi, la legittimità della Costituzione non è stata contestata da nessuno. La Carta ha segnato una grande levatura morale perché non è frutto di compromessi, ma di una visione profonda e obiettiva della realtà dei tempi. In questi momenti di crisi, pertanto, dove si parla di trasformazioni della Carta, bisogna stare attenti a non stravolgere tutto quello che finora la stessa Carta ha rappresentato, ma bisogna agire con prudenza, dando alle eventuali trasformazioni carattere di complementarietà.

Dobbiamo guardare alla Carta come riferimento ai valori che ha evidenziato e testimoniato. Non possiamo abbandonare il tricolore d’Italia e lo spirito unitario, anzi questo deve essere aumentato.

Tutti dobbiamo difendere i diritti che traspaiono dalla Carta, tenendo presente però, che ad ogni diritto corrisponde un dovere.

L’Avv. Leonardo Cannizzo, impernia il discorso su Pietro Calamandrei, costituente laico, padre nobile dell’azionismo. Nella nostra costituzione, dice Calamandrei, occorre rimuovere certi ostacoli, dando il giusto salario a tutti. Sì, la Costituzione già lo dice, ma veramente nella realtà viene rispecchiata l’uguaglianza di tutti? Dobbiamo sforzarci, per questo, ad eleggere una classe dirigente capace che mira sì al profitto e al benessere, ma con una perequazione sociale giusta e dignitosa per tutti.

L’Avv. Nicola De Gaetano, socio del Club Lions di Partinico “Serenianus”, interviene sui principi generali della Costituzione, ponendo degli interrogativi: nei primi articoli della Carta ciò che dice la stessa Costituzione è stato attuato? Le libertà individuali sono davvero inviolabili, se poi, vengono violate in tutto o in parte? Il diritto al lavoro è stato messo in atto per tutti? L’immigrazione riconosciuta dalla Costituzione è stata rispettata appieno? Il diritto al futuro, come dovere di assicurare la dignità dell’uomo garantendo il futuro è in atto? A questo punto, l’interrogativo diventa grandissimo. Siamo riusciti, finora, ad attuare la Costituzione? Ma se non siamo riusciti ad attuare la Costituzione, come mai si parla oggi di modificarla? Bisogna ritrovare la strada di un alto senso etico dello Stato e dell’interesse comune, per contrastare, tramite politiche occupazionali, la perdita di dignità di ampie parti dell’economia del Paese e guardare ai principi ispiratori della prima parte della nostra Costituzione, mai come oggi, così attuale.

Conoscere la Costituzione, significa leggerla assumendo le strade già tracciate dal testo della Carta per lo sviluppo rispettoso di regole prioritarie di tipo economico sociale.

D’altra parte, c’è da considerare a tutela di ogni soggetto, che l’articolo 2 fa riferimento al Codice Civile.

Anche l’Avv. Aldo Spatafora, parlando dei diritti della persona, è felice di affrontare questo tema. Nel rileggere dopo tanti anni la Costituzione, esprime un sentimento di amore verso la Carta Costituzionale, che non provava al tempo degli esami universitari. Il tempo trascorso non ha scalfito la bontà della Costituzione Italiana, che garantisce, attraverso le tutele scritte, l’inviolabilità dei diritti della persona.

L’Avv. Franca Castellino, esamina la libertà del pensiero, il suo riconoscimento e la tutela. L’articolo 21 regola l’informazione e attribuisce a tutti il diritto di manifestare il loro pensiero con la parola. Quali sono però i limiti della libertà di pensiero? I limiti devono essere verificati (art. 13) perché non dobbiamo mistificare l’uso della libertà. Kant dice che la libertà è resa certa dall’esistenza innegabile della legge morale in noi. Se la libertà fosse un dato di fatto essa implicherebbe la legge morale, ma non è così, perché il dato di fatto è la legge morale, che vale unicamente con la sua forma, quest’ultima deve essere universale e necessaria; dettata dalla ragione che ne è la legislatrice.

I Lions nel proporre l’educazione alla giustizia e alla legalità sono convinti che il baluardo principale, a cui tutti gli italiani devono fare riferimento, è la Costituzione della Repubblica Italiana.

Il saluto finale del convegno, viene dato ai giovani “Leo” del Club di Partinico, invitandoli a studiare, fin da subito, la Carta costituzionale per conoscerla e amarla per farne una guida di comportamento essenziale in tutte le manifestazioni della loro vita.

Redattore della Iª e IIª Circoscrizione

Antonino Lo Grasso

 

Agg.: 15 Novembre 2010

L.C. Partinico Serenianus

Domenica 28 Novembre alle ore 17, presso il Convento dei Carmelitani, si terrà il service: “La Costituzione italiana: conoscerla ed amarla. La proposta dei  Lions per l’educazione alla giustizia e per la legalità”.

Programma: Saluti: Dott. Leonardo Motisi (Presidente Lions Club Partinico)

Apertura dei lavori: Presentazione del tema nazionale – Prof. Gianfranco Amenta (Resp. Naz. del tema)

“Pietro Calamandrei: Discorso sulla Costituzione”  Avv. Leonardo Cannizzo

“Principi Generali della Costituzione” Avv. Nicola De Gaetano

“La tutela Costituzionale dei diritti della persona” Avv. Aldo Spatafora

“La libertà di pensiero: riconoscimento e tutela” Avv. Franca Castellino

Modera il dibattito: Prof. Gianfranco Amenta


Agg: 17  Ottobre 2010 Visita del Governatore ai Clubs di Partinico Serenianus, Carini Riviera Ponente, Palermo Panormus N.C. del 15.10.2010

Fotocronaca

Vedi le altre foto in slideshow


Annunci