Paternò

Presidente:
GALVANI Prof. Vittorio

Consorte del Presidente
CIANCITTO Maria

PRESIDENTE: GALVANI Prof. VITTORIO

SEGRETARIO: CORONELLA P.Agr. GIUSEPPE

TESORIERE: PLATANIA Sig. CARMELO

CERIMONIERE: LA SPINA Dott. GIUSEPPE

*****

 

Agg.: 6 Marzo 2011

L.C. Paternò

Si è svolto a Paternò il 26 febbraio scorso un interessante convegno che il presidente del Lions club di Paternò Vittorio Galvani ha organizzato sul tema  “Economia, Legalità, Sicurezza, Integrazione di culture in Sicilia e nell’area del Mediterraneo”. Hanno partecipato come relatori l’ On Giuseppe Castiglione Presidente della Provincia Regionale, il Prof. Salvo Andò, Rettore dell’Università Kore di Enna, il Dott. Giovanni  Crescente Direttore di Confindustria di Caltanissetta, il Dott. Antonio Pogliese, noto Commercialista e Vice governatore del Distretto Lions Sicilia. Con questo parterre di personalità che occupano, ciascuno nei loro campi, posti di altissimo rilievo si è svolta una tavola rotonda moderata dal giornalista Salvo Fallica.

Il Direttore di Confindustria Giovanni Crescente ha rilevato la necessità di collegare sviluppo e legalità, ha ricordato l’attività di Confindustria in difesa della legalità ed ha auspicato che la Pubblica Amministrazione riesca a dotare la Sicilia degli impianti infrastrutturali necessari e di una legislazione più snella  che liberi gli investimenti dai lacci e laccioli della burocrazia  e promuova lo sviluppo e le imprese.

Il Deputato  Salvo Torrisi riferisce che il Parlamento ha prodotto una legislazione che ha rafforzato la lotta alla mafia, soprattutto attraverso la lotta all’accumulazione di patrimoni illeciti. Ha auspicato che la politica sappia superare la fase attuale di conflittualità per assicurare una azione efficace a sostegno delle imprese.

Il Presidente della Provincia di Catania Giuseppe Castiglione ha fatto riferimento ai protocolli di intesa sulla legalità stipulati con le associazioni di categoria, le categorie produttive e le forze sociali. Ha auspicato che si promuova una legislazione che snellisca le procedure amministrative per  non rischiare di essere superati nella competizione con Paesi emergenti come Cina e India.

Molto interessante l’intervento del Rettore Salvo Andò che rileva la necessità di un nuovo modello di sviluppo per la Sicilia, con massicci investimenti in tecnologia, al fine di funzionalizzare il sistema sul terreno della conoscenza. Il Nord Africa, dopo Cina e india, sarà protagonista di un enorme sviluppo e la Sicilia potrebbe avere in quel contesto un ruolo importante di centralità strategica fondato non più sulla logica dei respingimenti ma su una offerta di sostegno allo sviluppo dei paesi del Nord Africa, in un sistema di relazioni virtuose finalizzate alo sviluppo economico  di tutta l’area del Mediterraneo.

Il Vice Governatore del Distretto Lions Antonio Pogliese ha concluso il dibattito con alcune puntualizzazioni e distinzioni tra lotta alla mafia e lotta all’illegalità in economia. Il richiamo alla legalità in economia ha la sua sostanza nella definizione di regole certe  e nel rispetto delle regole. E’ necessario fare riferimento alla buona politica ed alle buone regole. All’interno dei club service e delle associazioni c’è un grande dibattito per dare voce alla società civile che vuole attivamente partecipare per definire la buona politica e le buone regole.

Agg.: 12 Febbraio 2011

L.C. Paternò

Restauro della statua di S. Francesco d’Assisi per la Chiesa del SS. Salvatore di Paternò. Completato il lavoro del restauratore, maestro Luigi Accolla, la statua è stata riconsegnata alla Chiesa nel corso di una manitestazione tenutasi il 29 gennaio 2011, nella Chiesa del SS. Salvatore, alla presenza di una gran folla di intervenuti che hanno assistito alla S. Messa concelebrata da 5 sacerdoti. E’ stato una grande momento di visibilità del Lions e di informazione ad un vasto pubblico delle finalità e dell’attività che l’Associazione svolge in tutto il mondo.

Agg.: 1 gennaio 2011

L.C. Paternò

Martedì 14 dicembre 2010 su iniziativa del Lions Club Paternò è stato consegnato il premio “G.B. Nicolosi” al GVDS (Gruppo Volontari Donatori di Sangue ) di Paternò con la seguente motivazione:

Il GDVS di Paternò è un’associazione di volontariato aconfessionale e apartitica, senza fini di lucro, nata il 21 Dicembre 1978 dalla consapevolezza che la donazione di sangue costituisce una alta manifestazione di solidarietà umana e di  partecipazione civica. Ha svolto opera assistenziale e di formazione continua al fine di mantenere viva la coscienza donazionale nel nostro territorio, promuovendo la donazione volontaria, gratuita, anonima e responsabile del Sangue.  Ha tutelato i diritti dei Donatori al fine di garantirne la salute, ha promosso  tra i propri soci e presso le scuole e gli enti pubblici e privati una corretta informazione scientifico-sanitaria, vigilando sul buon uso del Sangue e sulla sicurezza e qualità delle tecniche trasfusionali. Ha svolto attività morali, culturali, e ricreative al fine di valorizzare la figura del Donatore e del gesto della donazione di Sangue. Ha operato con la presenza dei suoi volontari  esprimendo alti valori di solidarietà umana, dando prestigio e lustro alla città di Paternò e testimoniando con la sua azione alti valori di solidarietà umana  in un vasto territorio della Provincia etnea che va da Paternò a Ragalna, Santa Maria di Licodia, Randazzo, Castel di Judica, Militello in Val di Catania”.

Nella mattinata nella Aula Magna Liceo Classico “M. Rapisardi” di  Paternò ha avuto luogo la Conferenza del Prof. Paolo Cipolla, ricercatore di Letteratura Greca nella Facoltà di Lettere dell’ Università degli Studi di Catania, sul tema “La geografia omerica”

In serata  è stato consegnato il Premio, preceduto nel pomeriggio dalla conferenza sul tema “Spazi urbani nelle Città della Sicilia tra passato e presente”.

Interessanti ed apprezzati dal numeroso pubblico gli interventi  del  Prof. Paolo Militello Associato di Storia Moderna della Facoltà di Lettere nell’ Università degli Studi di Catania su “L’immagine delle Città nella Sicilia di G. B. Nicolosi” e della Prof.ssa Caterina Cirelli, Ordinaria di Geografia Economico-politica della Facoltà di Economia – Università degli Studi di Catania “Per una urbanizzazione sostenibile nelle Città della Sicilia contemporanea”


Agg.: 7 dicembre 2010

L.C. Paternò

Formazione universitaria e Lavoro in Sicilia. –  Continua l’impegno dei Lions siciliani sui grandi temi del dibattito politico e culturale attuale. E’ la volta del tema su “Formazione Universitaria e lavoro in Sicilia”.

In un momento di grande incertezza per la Riforma universitaria in discussione alla Camera dei deputati, in un momento particolare della nostra Isola e dell’intero mondo occidentale che vede gli indicatori economici al ribasso ed una economia in grande sofferenza, il Lions club di Paternò,in questo anno di presidenza del prof. Vittorio Galvani, pone il problema della formazione come grande investimento per il rilancio dello sviluppo della nostra Regione.

Al meeting del 26 novembre hanno partecipato come relatori il prof. Benedetto Torrisi, docente di Controllo statistico della qualità nella Facoltà di economia, l’On.  Giuseppe  Berretta, componente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati e l’On. Basilio Catanoso, componente della Commissione Agricoltura. I lavori sono stati introdotti dall’Assessore provinciale alle Politiche del Lavoro e della Formazione, dott. Francesco Ciancitto che ha disegnato il quadro delle difficoltà in cui oggi versa il mercato del lavoro in Sicilia, e la necessità di investire fortemente in Formazione, utilizzando i Fondi europei al fine di creare processi virtuosi di sviluppo in settori trainanti dell’economia siciliana che potrebbero essere il turismo e la piccola industria manifatturiera.

Il prof. Torrisi ha presentato una sua ricerca sulla fuga delle risorse intellettuali dall’Italia. Si tratta di una indagine condotta su un campione significativo di ricercatori universitari che ha messo in evidenza le ragioni della fuga dei cervelli e la condizione di vita e di lavoro di questa categoria di lavoratori in Italia e all’estero, dove essi trovano un apprezzamento decisamente alto ed opportunità occupazionali e di carriera che non esistono in Italia.

L’On Berretta ha posto nel suo intervento il tema dell’occupazione giovanile sottolineando come, nel pensare alla riforma dell’Università, sia opportuno fare delle scelte che, da un lato rilancino la ricerca, dall’altro diano una speranza a tanti giovani precari che oggi si fanno carico della formazione universitaria. Ha altresì posto l’esigenza che la riforma sia attenta ai processi di apprendimento ed agli studenti e non ottenga il risultato di dividere il Paese, privilegiando quelle Università inserite in territori economicamente avanzati.

L’On Catanoso, dopo avere esaminato la reale situazione dell’Università che dal suo punto di vista necessita di una razionalizzazione delle Facoltà, dei corsi di laurea e relativi investimenti, ha posto come primaria l’esigenza del legame tra Scuola, Università e mondo del lavoro e delle professioni, sottolineando come sia necessario porre regole ed introdurre criteri di valutazione del merito sia degli studenti che dei docenti.

Particolarmente apprezzati gli interventi di un giovane studente di Ingegneria che ha rilevato l’eccessiva inutilità di Corsi di studio artificiosamente appesantiti da materie inutili e l’intervento del prof. Vittorio Galvani che ha rilevato l’esigenza che le Università siciliane possano essere maggiormente attrattive nell’area del Mediterraneo in un contesto di  integrazione culturale e di rispetto dell’identità di popolazioni in via di sviluppo fortemente interessate alla formazione.  Il meeting è stato chiuso dagli interventi del Delegato di zona dott. Salvatore Ciancitto e dall’intervento conclusivo del Prof. Benedetto Torrisi in quanto Presidente della V circoscrizione dei Lions.

Agg: 30 Ottobre 2010

L.C. Paternò

Si apre l’anno sociale del Lions club di Paternò con un incontro dedicato al tema dell’attuazione del Federalismo fiscale.

I Lions pongono all’attenzione del pubblico, in un incontro che ha visto la partecipazione di un numeroso pubblico, anche di giovani, il tema del federalismo.

La legge n. 42 sul federalismo fiscale è in vigore ed è avviato il lavoro che porterà ai decreti legislativi attuativi, alcuni dei quali sono stati già emanati. Si tratta di una riforma che rafforzerà il tessuto connettivo della nostra Nazione, valorizzando le diversità e potenziando processi virtuosi di responsabilità, risparmio, investimenti efficienza? Ovvero sarà, come qualcuno pensa, un ulteriore elemento di disgregazione e di divaricazione sociale ed economica?

Su questo tema hanno discusso il Prof. Emilio Giardina, ordinario di Scienza delle Finanze e Diritto Finanziario nella Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Catania e il dott Antonio Pogliese, Commercialista e Vice Governatore del Distretto Lions Sicilia. Ha svolto funzione di moderatore del dibattito il giornalista Salvo Fallica. Sono stati presenti al tavolo dei relatori il Presidente Della V Circoscrizione Prof Benedetto Torrisi e il Presidente di Zona dott. Salvatore Ciancitto.

Ha aperto il meeting il Presidente Vittorio Galvani che, presentando al pubblico l’Associazione dei Lions, ne ha brevemente tracciato la storia e le finalità. Ha poi dato informazione delle attività e service che il Lions di Paternò ha programmato nell’anno sociale 2010.

L’avv. Pippo Torrisi, Assessore al Bilancio, in rappresentanza del Sindaco di Paternò, ha aperto i lavori con una sintetica, efficace e lucida esposizione della novità che  la riforma del federalismo potrà apportare nella gestione dei fondi che saranno nella disponibilità dell’Ente locale.

Il prof Emilio Giardina, dopo aver tracciato la genesi dell’idea di Federalismo, ha posto il tema degli obiettivi di responsabilità, trasparenza ed efficienza che la riforma si propone ma che, però, non è detto che siano effettivamente raggiunti, se non si realizzerà una vigilanza attenta da parte dei cittadini, sulle modalità di attuazione della legge. Ha poi sostenuto il suo ragionamento con esempi concreti, tratti soprattutto dall’amministrazione della Sanità, di come una applicazione delle norme, senza i necessari correttivi che diano carattere solidale al Federalismo e senza la possibilità di canalizzare i risparmi verso il rafforzamento e l’efficienza dei servizi, potrebbe portare a risultati dannosi per i cittadini.

Il dott. Antonio Pogliese, ha sottolineato il pericolo che la riforma del Federalismo  potrebbe determinare un aumento della fiscalità con la conseguenza dell’impoverimento delle Regioni come la Sicilia già in difficoltà che riceveranno trasferimenti di fondi inferiori rispetto al passato. Ha auspicato che la società civile sappia dare al ceto politico le indicazioni utili per una attuazione applicativa delle nuove norme. I Lions, realizzando una idea dell’associazionismo some fondamento della democrazia, anche con iniziative di informazione, possono contribuire a questo scopo.

Il dibattito che è seguito ha dimostrato l’interesse del numeroso pubblico e l’apprezzamento per l’attività che il Lions di Paternò ha realizzato.

Agg: 8  Ottobre 2010 L.C. Paternò

Il Lions club di Paternò, nella serata di sabato 23 ottobre 2010, nei locali della Galleria di Arte moderna, apre l’anno sociale con un incontro aperto al pubblico di informazione, riflessione e discussione sulla Riforma del Federalismo fiscale.

In  questo momento di incertezza politica, la realizzazione del Federalismo potrebbe essere decisiva per la continuazione dell’ attuale legislatura. Si tratta di una tematica di grande interesse ed attualità che si collega ai service nazionale sulla Costituzione e distrettuale sullo Statuto della Regione Siciliana e la valorizzazione del territorio.

La legge n. 42 è in vigore ed è avviato il lavoro che porterà ai decreti legislativi attuativi. Si tratta di una riforma che rafforzerà il tessuto connettivo della nostra Nazione, valorizzando le diversità e potenziando processi virtuosi di responsabilità, risparmio, investimenti efficienza, ovvero sarà, come qualcuno pensa, un ulteriore elemento di disgregazione  e di divaricazione sociale ed economica?

E come funzionerà in Sicilia? All’incontro saranno presenti, come relatori, il dott. Antonio Pogliese, Vice Governatore del distretto e il Prof. E. Giardina, docente della Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Catania.

 

Annunci