Catania Agorà

Presidente:
GRASSO Avv. Silvana
 

 

 

PRESIDENTE: GRASSO Avv. SILVANA

SEGRETARIO: MONTEMAGNO Dott. FRANCESCO

TESORIERE: RUSSO Dott. GIOVANNI

CERIMONIERE: NICOLOSI Geom. SALVATORE

Agg.: 3 Febbraio 2011

L.C. Catania Agorà

Con la partecipazione della Presidente, Silvana Grasso e di numerosi Soci del Lions Club Catania Agorà, della Stampa e della Televisione, giorno 28 gennaio 2011, nell’aula magna dell’ITIS “MARCONI” di Catania, è stato presentato ai Docenti Referenti del Servizio per l’Educazione alla Salute degli Istituti d’Istruzione secondaria, di primo e secondo grado, Statali e Paritari, della Provincia di Catania il CD “Guida all’uso della Biodiversità in Sicilia”, prodotto da ARPA Sicilia e masterizzato, in quantità adeguata alla realizzazione del “Progetto”, su autorizzazione dell’ARPA medesima.

Ha aperto i lavori la dott.ssa Angela Rapicavoli, Referente Provinciale del Servizio di Educazione alla Salute dell’Ufficio Territoriale di Catania ed organizzatrice dell’Incontro, la quale, dopo aver accennato alle problematiche ambientali legate alla perdita di Biodivertsità, ha presentato i relatori: Luigi Savarino, delegato del Governatore per la “Tutela della Biodiversità” e Paolo Guarnaccia, docente presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Catania ed esperto di coltivazioni biologiche.

Luigi Savarino ha ringraziato il Direttore Generale Vicario dell’USR Sicilia, dott. Giuseppe Italia, per avere autorizzato la distribuzione del CD, il dott. Maurizio Gentile, Coordinatore del Servizio di Educazione alla Salute dell’USR Sicilia, il Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Catania, dottor Raffaele Zanoli e la dott.ssa Angela Rapicavoli, Referente Provinciale del Servizio di Educazione alla Salute dell’Ufficio Territoriale di Catania, nonché il Direttore Generale dell’ARPA Sicilia, ing. Sergio Marino, per la disponibilità dimostrata, l’ing. Calogero Di Chiara, e alla dott.ssa Giovanna Segreto per la sensibilità alla realizzazione del progetto ed il dott. Matteo Bonfiglio, Direttore dell’Ufficio XIII dell’USR Sicilia, Ambito Territoriale di Enna e Delegato del Governatore per i “Rapporti con la Scuola”.

Dopo aver chiarito che la masterizzazione del Cd rientra in un progetto più ampio, denominato “LA BIODIVERSITA’ IN SICILIA: attività di informazione gratuita” e che la distribuzione del CD interessa, complessivamente, circa 1.200 scuole siciliane e circa 460.000 studenti, Savarino ha illustrato il contenuto della “Guida all’uso della biodiversità in Sicilia”, che risulta articolata nel modo seguente:

Parte I Salvaguardia della Biodiversità

Parte II Biodiversità e produzioni in Sicilia

Parte III Biodiversità e aree naturali protette

Savarino si è soffermato sugli scopi della divulgazione del Cd che sono quelli di accrescere e diffondere la conoscenza sulla Biodiversità e di attivare una sensibilizzazione sulle pressioni che la minacciano, nonché di avvicinare i giovani all’immenso patrimonio di biodiversità presente in Sicilia per far scoprire Loro il suo valore per la vita dell’uomo e per la tutela dell’ambiente, evidenziando, inoltre, come l’esperienza maturata a livello nazionale e regionale sulla biodiversità, basata su una solida informazione scientifica, ha chiarito inequivocabilmente che “…i fattori che incidono sul funzionamento degli ecosistemi sono tali da rendere insufficiente un puro approccio conservazionistico alla biodiversità” (IV Rapporto nazionale per la Convenzione sulla Diversità Biologica, Valutazione finale dell’attuazione del Piano d’azione comunitario). Nel processo analitico, infatti, devono essere presi in considerazione i fattori sociali, culturali ed economici: un esame integrato delle esigenze di conservazione e di sviluppo è la chiave di un nuovo approccio di sostenibilità in cui diversità biologica, economica e culturale giocano un ruolo fondamentale e sinergico per lo sviluppo equilibrato del nostro Paese.Facendo riferimento alla seconda parte del CD, quella relativa a “Biodiversità e produzioni in Sicilia” ha preso la parola il Prof. Paolo Guarnaccia, il quale, con una esposizione dotta ed appassionata ha parlato di perdita di biodiversità, fenomeno grave, specialmente per la Sicilia, di agrobiodiversità e di colture biologiche.

Ha, infine, preso la parola la presidente del Lions Club “Catania Agorà”, avv. Silvana Grasso, che, dopo avere ringraziato i Relatori, il dottor Raffaele Zanoli, Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Catania, e la dott.ssa Angela Rapicavoli, Referente Provinciale del Servizio di Educazione alla Salute dell’Ufficio Territoriale di Catania ed organizzatrice dell’incontro, ha ribadito che il progetto Lions “LA BIODIVERSITA’ IN SICILIA” riguarda sia la biodiversità in senso stretto sia le sue ricadute sulla salute, sulle specie, sugli habitat, sul paesaggio, sulle aree protette, sul turismo, sull’ambiente marino, sull’agricoltura ed anche sulle Foreste, di cui, in quest’anno, 2011, si celebra l’Anno Internazionale e che, perciò, il L. C. “Catania Agorà” si dichiara disponibile, sin d’ora, a collaborare, attraverso i propri service, con la Scuola, con le altre Istituzioni e con i portatori d’interesse. Ne è seguito un ampio ed interessante dibattito.


 

Annunci