Niscemi

Presidente:
D’ALESSANDRO Avv. Giuseppe

Consorte del Presidente
D’ALESSANDRO Bianca

PRESIDENTE: D’ALESSANDRO Avv. GIUSEPPE

SEGRETARIO: MONGELLI Dott. FRANCESCO

TESORIERE: PISCOPO Dott. ROSARIO

CERIMONIERE: AMATO Dott. ENZO

Agg.: 31 Maggio 2011

L.C. Niscemi

   Si è svolta a Niscemi per il quinto anno consecutivo la “Giornata per lo Sport” organizzata dal Lions Club di Niscemi col patrocinio del Comune. Gli sforzi del comitato organizzatore composto dai soci dr. Enzo Amato, dr Gregorio Amato, dr. Franco Mongelli, dr. Rosario Piscopo, P.I. Guido Ravalli e ing. Maurizio Vicari mirabilmente coordinati dal presidente dr. Francesco Tommasi sono stati ampiamente ripagati dall’entusiasmante partecipazione  di centinaia di persone che hanno vissuto un’intera giornata (dalle 9,30 alle 21,30 con la sola pausa pranzo) come una Festa.

   Accanto al messaggio sull’importanza dello sport, sia per la salute fisica, sia per il valore morale del quale è foriero, la Giornata è stata costellata da momenti di spettacolo, di esibizioni artistiche e di socializzazione fra atleti, genitori, spettatori, Autorità e Soci del club.

   Alle dieci di mattina è partito – dalla piazza principale – il corteo con a capo la banda musicale cittadina e la fiaccola dello sport, contornato  – oltre che dalle autorità civili e lionistiche – da majorettes, componenti delle associazioni di volontariato e atleti di tutte le età in divisa, sino a raggiungere il Palazzetto dello sport “Pio La Torre”, dopo che centinaia di magliette con il logo del Lions Club erano state distribuite ai partecipanti.

   Qui è stata effettuata l’alzabandiera sia della nostra nazione che del Lions Club ed è stato acceso il braciere simboleggiante i giochi olimpici. Il tutto mentre la banda cittadina intonava le note dell’Inno di Mameli e un aereo superleggero sorvolava più volte il palazzetto lanciando volantini contenenti messaggi educativi (primo fra tutti: Lo sport è vita!).

  Dopo i discorsi del presidente del L.C. di Niscemi avv. Giuseppe D’Alessandro, dell’Assessore allo Sport dr. Gianluca Cutrona e del presidente del comitato dr. Francesco  Tommasi, si è dato inizio alla manifestazione.

   In mattinata si sono svolti minitornei di Volley da parte degli studenti dell’Istituto superiore L.Da Vinci di Niscemi, di Basket  a cura della Polisportiva  Niscemi e di calcetto curato dall’Accademia dello sport.

Per i più piccoli all’esterno si respirava un’area campestre, grazie all’associazione <<Giacche verdi>>  e  <<Centro  equitazione>>  che con tre cavallini <<pony>> deliziavano bambini che mai avevano cavalcato un animale.

  La pausa di mezzogiorno veniva scandita dalla <<campanella del gelataio>> che rinfrescava  i partecipanti accaldati dalla fatica delle gare o dal sole cocente che ha accompagnato tutta la Festa.

   La ripresa pomeridiana ha visto l’esibizione del gruppo <<Cardio-Combact, Fit box e Pilates Matwork della palestra K>> e, a seguire, esibizioni di karate dell’associazione  Tiger School . E ancora le spettacolari evoluzioni della ginnastica artistica a cura del <<Gymnastic Club>> di Gela e dell’<<ASD Twirling di Niscemi >>. Infine l’esibizione di  Gaetano Crescimone, nella specialista di <<pallacanestro artistica>> e le performances delle scuole di ballo <<Top Dance>> e <<A.S. Dance>> di Niscemi.

   Non sono mancati momenti di commozione, come quando il presidente D’Alessandro ha ricordato la recente scomparsa del professore Giuseppe Vicari, papà dei soci Gaetano e Maurizio, insegnante di educazione fisica che tanto si è speso per lo sport a Niscemi. Il momento istituzionale ha poi visto il Lions Club “donare” al Comune di Niscemi nelle mani del Sindaco e del presidente del consiglio comunale n.  30  posters  con la storia delle olimpiadi moderne che sono state collocate nel palazzetto dello sport ad arredo delle pareti.

   L’entusiasmo dei presenti che hanno riempito completamente la struttura (si calcola fossero circa 1.000) è stato ampiamente testimoniato dagli applausi  degli astanti, anche per l’ineccepibile conduzione dei <<presentatori>> che si sono alternati: il socio Maurizio Vicari di pomeriggio e di mattina il socio Enzo Amato che ha curato anche – con fine professionalità – tutto il cerimoniale.

  La manifestazione si è conclusa a sera inoltrata, quando la stanchezza degli organizzatori non ha impedito di consegnare a tutti i partecipanti medaglie-ricordo e attestati ai presidenti delle varie società sportive e di volontariato; sono  stati  consegnati trofei agli  atleti  niscemesi che  si  sono  distinti  in  ambito nazionale e regionale  (come ad  esempio la  studentessa  Alice Mangione, seconda classificata in  ambito nazionale  a  Roma  negli 80 mt piani e  Matteo Vincenzo Giarrizzo di soli 9 anni, primo classificato in  ambito  regionale  siciliano nel motocross- categoria bambini ) .

   Ancora una volta il L.C. di Niscemi si è posto al centro delle attività della Città con un service di ampia risonanza, oltre che di evidente messaggio educativo, nello spirito del motto del Governatore Giuseppe Scamporrino <<Coerenti e concreti nel servire insieme>>.

.

 

Agg.: 18 Aprile 2011

L.C. Niscemi

 Domenica 17 aprile si è svolto all’interno del Museo della civiltà contadina di Niscemi il convegno sul tema: donazione degli organi.

Relatori: dr. Lucio Antona, dirigente medico presso  il reparto di rianimazione dell’ospedale di Gela, nonché coordinatore locale del C.R.T. (centro regionale trapianti) per la Sicilia che ha trattato il tema:  “La donazione degli organi. Parliamone insieme”.

 – dr. Francesco Tommasi, responsabile per l’ottava circoscrizione del Lions Club Sicilia per il service “Trapianti e donazioni” che ha trattato il tema:“Trapianti d’organo. Stato dell’arte”. Moderatore: prof. Gaetano Vicari.

E’ intervenuta la prof. Angela Rinzivillo, presidente della zona 23 del distretto Lions di Sicilia.

Di fronte a una saletta piena e a un qualificato uditorio, sono stati inoltre presentati i moduli per diventare donatore di organi e il tesserino che il Club di Niscemi regalerà a quanto aderiranno. L’iniziativa è destinata a durare nel tempo in quanto a tutti i medici di Niscemi sono stati consegnati i moduli per la raccolta delle adesioni che, tramite il Lions di Niscemi e il dr.  Antona, convergeranno presso la banca dati nazionale.

   Un momento di particolare emozione ha pervaso la sala quando un cittadino niscemese, da poco trapiantato di cuore, ha raccontato la sua esperienza con parole di speranza e di appello alla donazione.

  Infine il presidente avv. Giuseppe D’Alessandro, con un gesto simbolico ma concreto, ha firmato il modulo con la propria adesione personale alla donazione, invitando tutti i soci e le persone idonee a fare altrettanto.

Agg.: 13 Febbraio 2011

Zona 24

Foto cronaca visita del Governatore ai Club della Zona 24 (Gela, Mazzarino,Niscemi,del Golfo di Gela) – 14/11/2010

Guarda –

Agg. : 10 Dicembre 2010

L.C. Niscemi

Su iniziativa del Lions club di Niscemi e del Museo della civiltà contadina “Angelo Marsiano”, la Protezione civile distribuirà a scuole e famiglie, 4000 copie del Vademecum “Protezione civile in famiglia”.Il Vademecum “Protezione Civile in Famiglia” è una pubblicazione che descrive, con semplici concetti, i rischi presenti sul territorio e illustra i criteri, i metodi e i comportamenti per affrontare le piccole e grandi emergenze.

Agg. : 9 Novembre 2010

L.C. Niscemi

Il CARCIOFO NISSENO: se ne è parlato tra i LIONS di tutta la SICILIA

Il carciofo è stato oggetto di specifico esame, il 30/10/2010 a MESSINA nell’”Incontro d’Autunno” dei 108 Lions Club siciliani per discutere delle “risorse agroalimentari della sicilia: potenzialità economica e opportunità occupazionale”.

Il Club di Niscemi ha partecipato con una nutrita delegazione capeggiata dal presidente Avv. Giuseppe D’Alessandro, e l’ing. Raffaele La Morgia ha fatto una panoramica dello stato attuale della coltivazione carciofo, e delle problematiche da affrontare per migliorarne la convenienza economica nell’area nissena.

Sono gli agricoltori niscemesi i più attivi in questa coltura che si estende in tutta la piana di Gela, Niscemi, Mazzarino e Butera, la cui produzione costituisce circa il cinquanta per cento di tutta quella siciliana, che contende il primato nazionale alla Puglia e Sardegna.

Dice l’ing. La Morgia: “se guardiamo al mercato con attenzione, cosa che gli agricoltori non sono ancora abituati a fare, e ci mettiamo dal punto di vista del consumatore metropolitano del nord, si deve prendere atto che il consumo di carciofi è di molto inferiore alle sue potenzialità”.

Da indagini di mercato emergono dati molto significativi e sorprendenti: le proprietà del carciofo siano percepite come buone e salutari, ma poco meno della metà delle famiglie italiane lo consuma, e l’acquisto viene ripetuto solo due volte per stagione; il massimo  gradimento si ha fra gli ultra-cinquantenni, mentre ei giovani ne sono ghiotti solo il dieci percento.

La regione riconosciuta come patria del carciofo è il Lazio e solo il venti percento sa che si produce anche in Sicilia, dove ci sono in realtà 15.000 ettari coltivati contro i 1.000 del Lazio.

Difficoltà nella mondatura e lavaggio frenano le massaie del nord nell’acquisto del carciofo; che risulta così poco adatto a un consumatore moderno sempre più frettoloso e attento alla praticità.

Sarebbe ora quindi di commercializzarlo in maniera più conveniente e pratica, simile a quella usata per le insalate pronte, già lavate e tagliate, ormai di uso quotidiano diffuso in ogni angolo d’Italia e all’estero e che si chiama “IV Gamma”.

Di questa è convito propugnatore  l’ing. La Morgia, che la ritiene la strada risolutiva per consentire alle imprese agricole di riappropriarsi di una quota di valore aggiunto sul prezzo finale al consumo e migliorare la propria redditività economica oggi in declino.

Le tecnologie ci sono, a costi ormai alla portata dei nostri agricoltori più avveduti;  ma evidentemente ciò non basta, perché permangono forti difficoltà all’ammodernamento vero, e non di facciata, delle imprese coltivatrici.

Infatti sia al singolo agricoltore, sia al sistema agricolo locale, manca il supporto, concreto e fattivo sul territorio, delle autorità locali e regionali, politiche ed economiche, pubbliche e anche private di settore.

Questo è quanto chiaramente emerso dalla viva voci di tutti gli intervenuti nei lavori del convegno; a loro dire le istituzioni politiche soprattutto, ormai operano più a parole che con i fatti e si disinteressano nel concreto quotidiano dell’agricoltura, visti i risultati e le condizioni disastrose in cui giace il sistema agricolo regionale.

Agg: 14  Ottobre 2010

L. C. Niscemi

Il Lions Club Niscemi e il  Museo della Civiltà Contadina   “A. Marsiano”  nell’ambito delle attività relative ai “Pomeriggi Culturali al Museo” promuovono  un incontro sul tema “LA STORIA TRASCURATA”, che si terrà presso il Museo della Civiltà Contadina “Angelo Marsiano” di Niscemi  venerdì 22 ottobre 2010 alle ore 19:00.

Relatore: Dott. Salvatore Buscemi – Pedagogista e Scrittore.

Moderatore: Prof. Gaetano Vicari, responsabile del Comitato culturale.


b
Annunci